Duri a morire

Questa notte ho sognato di essere in un’aula universitaria, seduto in modo approssimativo su delle poltrone tipo cinema, che con altre persone guardavamo un film-documentario sulle guerre e gli stermini.Sullo schermo scorrevano dei video in bianco e nero con immagini molto cruente, che raccontavano la realtà di questi ultimi anni della storia, a partire, credo,dagli inizi del ‘900.
C’erano altre persone,non so dire chi, che credevano in Dio.
Alla fine del filmato sono riuscito a mettermi in piedi dalla posizione orribile in cui ero e,come se la mia voce avesse in un attimo acquistato vita propria, ho urlato:”Satana non fa queste cose!!!”.

Il sogno fu in qualche modo dirottato verso altri luoghi,su di una scalinata enorme e nera poi su di un divano fatto di polvere;Ogni istante la mia mente ritornava vagando sul quel video.
Il sogno ha riportato dagli abissi di quello che comunemente si chiama inconscio un’ assurda verità accompagnata dalla costante ipocrisia del pensiero cristiano e religioso.

Quante guerre si sono combattute in nome di un Dio ormai il genere umano ne ha perso il conto,quante lotte e massacri questo religioso pomo della discordia ha scatenato non si possono ricordare tutte.I numeri non sono e non possono essere dalla parte del mondo religioso, la religione è un bisogno personale di credere in un mondo coerente(dicono alcuni sociologi),perché la coerenza è uno dei fini ultimi della nostra mente.
Più passa il tempo e più la tecnologia ci permette di avere un insieme coerente del passato e le sue relazioni col futuro, ed è quasi impossibile non vedere quanto la religione come concetto personale esteso con la forza ad altre persone, sia responsabile di tante morti!

“Satana non fa queste cose” mi sono detto, infatti è in nome di Dio che si uccide, mentre a Satana(nome contenitore del male) si danno le colpe di qualsiasi cosa non rispetti i piano divini,Satana è il caos, l’ ordine, come abbiamo visto è sempre bene(solo se però imposto dalle gerarchie).
L’ordine,la nazione e Dio, tutti nomi per i quali i potenti controllano e fanno massacrare le genti comuni.

Allora perché la religione come struttura e costruzione sociale, se così nefasta,è dura a morire?
La risposta che ho letto nelle pieghe di questo mio sogno poco più che irreale è:perché fa comodo ai potenti e rassicura l’uomo comune.

Forse un giorno l’essere umano riuscirà a liberarsi dalle catene e ad evolversi una volta per tutte verso una condizione definibile come età adulta, dove non si crede più alle favole,ma si dà ascolto ai propri sensi, quando non ci sarà più Satana che si prenderà tutte le colpe di tutti gli errori e Dio i meriti di chissà quale ricchezza proveniente da chissà quale massacro.
Finché esisteranno i dollari la gente continuerà a sporcarsi le mani con un Dio molto potente e quasi invincibile,ma coloro che vogliono abbattere questo Dio sanguinario sanno bene che anche lui dovrà sottostare alle leggi della natura, egli non vivrà in eterno.

related posts:

Prezzemolo

About Prezzemolo